Acqua e' vita

Ma perche’ un biofrequency in casa puo’ essere utile?


Ma perche’ un biofrequency in casa puo’ essere utile?

Parlo di me (ma potrei parlare di moltissime altre persone che hanno un biofrequency o biomemory ecc)..
67 anni compiuti.
Dal 2010 in poi e’ cambiata la mia vita.
Allergico alla polvere, agli acari, alle cucurbitacee ecc.
A 11 anni dissero a mia madre che se avessi fumato sarei morto precocemente…
Infatti, sinusite, raffreddore, bronchite asmatica, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.
Ogni anno mi dovevo fermare a causa dell’influenza ecc.
Poi, la svolta.
La costruzione del primo Biofrequency.
Da allora…
Non ho piu’ il medico di famiglia.
Non ho neppure una aspirina in casa.
Non mi sono mai piu’ ammalato. (asmatico cronico)
Non ho mai piu’ preso un raffreddore.
Non so cosa vuol dire misurasi la febbre.
Non ho mai piu’ preso un influenza. (Bronchite cronica asmatica)
Non ho mai tosse.
Non ho mai piu’ avuto la sinusite (prima andavo di 40 gocce di novalgina alla volta)
Non ho mai piu’ messo piede in una farmacia.
Non ho mai piu’ fatto analisi del sangue delle urine, del colesterolo, della pressione e di chissa’ quale altro meccanismo induttivo.
Certo, ci saranno anche dei percorsi…delle consapevolezze su cosa e’ la malattia, sul perche’ si manifesta..
Di come ci si puo’ prendere cura di se stessi.
Ma di certo questo e’ il mio stato.
Fumo, mangio di tutto, e non so’ cosa sia un giorno a letto perche’ sto’ male.
Caspita..
Forse non e’ il Biofrequency…
Forse…
O forse si?
Print Friendly, PDF & Email

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget

Articoli Recenti